Translate

venerdì 22 agosto 2014

Squirting o eiaculazione femminile, le domande e le risposte.


Con il termine squirting (o squirt) si fa riferimento all'espulsione di un liquido chiaro, durante il rapporto sessuale, da parte della donna.
Lo squirting viene anche chiamato eiaculazione femminile ed è in tutto e per tutto simile all'eiaculazione maschile, fatta eccezione per l'assenza di spermatozoi nel liquido prodotto. Lo squirting è una pratica molto in voga nei film porno americani e giapponesi (in cui viene chiamato shiofuki).
Non tutte le donne eiaculano durante l'orgasmo e, per questa ragione, molte pensano che si tratti di una leggenda metropolitana o di una falsificazione.
In realtà lo squirting esiste e chi ne ha avuto esperienza non ha nulla di cui preoccuparsi. Il liquido biancastro viene espulso dall'uretra femminile durante l'orgasmo oppure durante la stimolazione sessuale. Il quantitativo di fluido rilasciato può essere considerevole, attraverso il ripetersi di riempimento e svuotamento delle ghiandole durante l'orgasmo.
Le ghiandole di Skene sono le responsabili dello squirting: sono piccole ghiandole che esercitano la funzione di espellere il liquido e di aumentare la lubrificazione della vagina. Presenti in tutte le donne, queste ghiandole non presentano uno sviluppo uguale per ciascuna di esse: qualcuna, infatti, presenta uno sviluppo maggiore per via di uno stimolo androgenico esercitato da un ormone maschile, presente in piccola quantità anche nel corpo femminile.
Sarebbe questa la motivazione dell'assenza, della maggiore o minore eiaculazione femminile, fenomeno riconosciuto nel 10% delle donne.
La stimolazione del punto G comporta una secrezione di liquido che può presentarsi in piccole dosi o in un forte getto, lo squirting, come conseguenza delle contrazioni muscolari che si sviluppano nelle strutture genitali durante l'orgasmo.
Poiché la fuoriuscita di tale secrezione si verifica attraverso l'uretra, cioè il tratto finale delle vie urinarie, frequentemente la donna lo confonde con l'urina.
Si tratta di un fenomeno se non sconosciuto, di certo sottovalutato sia dalle dirette interessate che dagli uomini.
Eppure Aristotele aveva già realizzato trattati di medicina sulla donna, parlando proprio dello squirting, quando descrive come durante l'orgasmo emette un getto.
Possiamo quindi suggerire che questa possibile reazione manifestata da alcune donne, se sottoposte a una particolare stimolazione, venga vissuta come evento naturale e piacevole legato al proprio corpo e all'abbandono dei sensi, proprio di una sessualità consapevole e armonica.
Nonostante le titubanze di alcune donne, molti uomini (e alcune donne) si dimostrano molto attratti dallo squirting anche perché ne colgono il piacere provato dalla partner.
Fonte

Nessun commento:

Posta un commento