Translate

sabato 25 maggio 2013

Pavimento Pelvico e Perineo: Cos’è e Come Prendersene Cura.



Chi è questo sconosciuto?
Il pavimento pelvico non è una singola entità ma è un insieme di muscoli e ognuno di questi muscoli ha un compito ben differente.
I suoi muscoli sono disposti su tre strati, che scorrono l’uno sull’altro.
Il primo strato che è quello esterno chiude le pareti degli sfinteri esterni. Quindi le pareti dell’ano e della vagina.
Lo strato centrale sostiene l’uretra, la vescica e la parete vaginale anteriore.
Lo strato profondo ricopre tutta la parte interna del pavimento pelvico. Sostiene il retto, l’ano e la parete posteriore della vagina.
Un pavimento pelvico tonico non solo ti aiuta nel sostenere gli organi ma permette alla vita sessuale di essere più soddisfacente perchè le pareti vaginali sono ben lubrificate e accostate l’una all’altra.
Uno stile di vita sano, un esercizio fisico costante aiutano il pavimento pelvico ad essere tonico quando subentra il parto e la menopausa che altrimenti porterebbe dei disturbi come la perdita di urina, di feci e dei rapporti sessuali senza piacere.
Perchè allora si viene a conoscenza del pavimento pelvico solo durante i corsi pre parto?
Purtroppo è sbagliato. Bisognerebbe esercitare questo muscolo fin da giovani.
Nei corsi pre parto viene segnalato alla donna la sua esistenza perchè lavorarci riduce un’eventuale episiotomia da parte dell’operatore o lacerazioni durante il parto.
Inoltre viene insegnato alla donna che esercizi fare dopo il parto per riportare la muscolatura pelvica alle condizioni iniziali.
Un perineo ben tonico prima è un perineo che riprende la sua tonicità anche dopo con maggiore facilità.
Ti consiglio di fare gli esercizi di Kegel:
1) Stringi e rilascia, diverse volte, fino a 50 volte consecutive.
Fai attenzione a non irrigidire i glutei e gli addominali. All’inizio non sarà semplice, ma con l’esperienza e la concentrazione riuscirai a farlo.
Rivolgiti alla tua ostetrica di fiducia per farti insegnare correttamente l’esecuzione di questo esercizio.
Per capire che stai usando i muscoli giusti prova a fare questo esercizio durante la minzione.
Interrompi il flusso della pipì, e poi rilascia, i muscoli sono proprio quelli li!
2) Stringi e tieni la contrazione.
Per ogni secondo di contrazione fai la stessa pausa.
Ad esempio: Tieni contratto il muscolo del perineo per 5 secondi e per i 5 secondi successivi devi stare a riposo e così via.
3) L’Ascensore.
Immagina che la tua vagina sia un ascensore. Stringi gradatamente, contando i piani dal pian terreno al 3.
Dal pian terreno sali al primo piano quindi stringete un pò. Dal primo piano sali al secondo quindi stringi ancora di più e così via fino al 3 piano.
Ora devi tornare indietro sempre contando i piani e rilasciando gradatamente. Salire è molto più semplice di scendere.
Con questi esercizi potrai:
- Migliorare la tua vita sessuale
- Risolvere o migliorare l’incontinenza da sforzo.
- Controllare la presenza di varici vicino l’inguine.
- Migliorare la sensazione di peso del pancione.
- Prevenire le emorroidi
- Migliorare la circolazione e quindi migliorare la sensibilità.
Se hai già patorito invece ecco come capire se hai una disfunzione del perineo:
1. difficoltà ad interrompere il getto urinario;
2. perdita di urina durante un colpo di tosse, starnuto, sollevamento della busta della spesa;
3. dolore durante i rapporti sessuali;
4. rumori di aria dalla vagina;
5. difficoltà a trattenere feci;
6. emorroidi;
7. stitichezza.
Riconoscendo una disfunzione del pavimento pelvico si può portare la donna a cambiare il proprio stile di vita e ad insegnarle gli esercizi in modo da aiutarla.
Se sei una donna molto giovane e riscontri 3 di questi sintomi elencati sopra hai una buona possibilità che l’incontinenza che hai  scompaia spontaneamente nei mesi successivi al parto, ma per 1 donna su 5 persisterà per sempre, peggiorando con l’età.
Al tuo benessere,
Graziella

Nessun commento:

Posta un commento