Translate

venerdì 22 marzo 2013

Porno, le parole più cercate in rete.


Paese che vai gusti che trovi. Anche nella pornografia. A certificarlo è il motore di ricerca a luci rosse PornMD che ha pubblicato una mappa interattiva in cui mostra le principali parole cercate nei Paesi del mondo

Agli americani piacciono le donne mature. I canadesi rivolgono i propri pensieri a Oriente. I cinesi hanno occhi solo per le giapponesi. Insomma, come si usa dire, il mondo è bello perché è vario e questo vale anche per i gusti in fatto di sesso. A confermarlo è un'indagine effettuata da un osservatorio d'eccezione, il motore di ricerca a luci rosse The Porn Doctor, che ha messo in fila in una mappa interattiva le parole più cercate dai dai suoi utenti dei Paesi del globo. Il risultato è uno spaccato omogeneo nella sua diversità (in quasi tutti gli stati c'è una predilezione per la pornografia locale), ma con alcune celebrità globali che superano i confini nazionali. E poi tante curiosità che non ti aspetti.

Porno-celebrità gobali 
– Chi l'avrebbe detto, per esempio, che i russi avevano una passione per Sasha Grey? L'attrice ed ex pornostar americana figura infatti al quinto posto nelle ricerche che provengono da Mosca e dintorni. Una predilezione, quella per le forme made in Usa condivisa anche dai vicini ucraini: al nono e decimo posto nelle consultazioni online di quel Paese si piazzano infatti Kim Kardashian e la modella Mandy Lynn (in classifica c'è pure l'ungherese Rita Faltoyano). Anche i nigeriani in cerca di porno-ispirazioni guardano a occidente. Nella top ten locale figura, oltre all'immancabile Kardashian, anche Eva Mendes, mentre in Kenya al primo posto assoluto, troviamo Aria Giovanni, porno attrice americana.

Nazionalismo a luci rosse - Nel complesso però in materia di gusti sessuali online sembra prevalere il nazionalismo. Gli stessi russi mantengono alto l'onore della patria cercando soprattutto “russian”, e uguale fanno francesi, inglesi, tedeschi e brasiliani. Tra i più patriottici ci sono sicuramente gli argentini: “Argentina”, “argentino”  e “Argentina” (gli ultimi due nella sezione gay) occupano infatti i primi tre posti della graduatoria del Paese andino. Ma ci sono anche le eccezioni. Chi si segnala per cosmopolitismo, per esempio, sono i canadesi: la ricerca più frequente nello stato nordamericano riguarda il continente asiatico (“asian”), mentre al nono posto troviamo “indian”. Per la Cina, invece, più che di apertura internazionale, bisognerebbe parlare di ossessione: quattro dei primi 10 risultati provenienti dal quel Paese hanno a che fare con il Giappone. 

Paese che vai …. - Ma le differenze di nazionalità sono solo uno degli aspetti che emergono dall'indagine. Gli americani sembrano divisi lungo linee anagrafiche, tra quelli che cercano le donne un po' più mature e quelli che guardano alla gioventù: “Milf” e “teen” sono infatti i due termini più ricercati. Tra i risultati che non ti aspetti ci sono quelli che riguardano il Perù, dove il motore sembra utilizzato soprattutto da utenti omosessuali: tutti e 10 i primi risultati riguardano pornografia gay (in Cile sono nove su dieci). Un po' a sorpresa anche l'Iran si segnala per l'attivismo dei navigatori omosex: cinque risultati hanno a che fare con pornografia tra persone dello stesso sesso. Tra questi spicca il curioso “hotel businessman”. In Australia, invece, l'espressione più cercata è “hidden cam”, telecamera nascosta, mentre in Libano prevale “sleeping girl”, ragazza che dorme. 

Sesso tricolore - E l'Italia? Il nostro Paese è in linea con gli altri. Nazionalismo, innanzitutto. Al primo posto (“italian”) c'è il sesso di casa nostra e al secondo “Sara Tommasi”, di cui si cercano in tutta probabilità le performance a luci rosse. Chiude il podio l'aggettivo “amatoriale”, ovvero il porno casereccio. Ma le sorprese, scendendo un po' più in giù, non mancano. La top ten si chiude infatti all'insegna dell'amarcord con “Selen”,pornostar d'annata. Anche la Rete ha memoria.

http://mag.sky.it/mag/web_style/2013/03/21/porno_ricerche_web_paesi_del_mondo.html

Nessun commento:

Posta un commento